Magazine di approfondimento culturale |

15 romanzi storici per l'estate

Novela historicaDa diversi anni il romanzo storico è uno dei perni del mercato editoriale iberico. Ma non solo, visti i grandi successi fuori patria di autori come Ildefonso Falcones, con milioni di copie vendute in tutto il mondo.
Con l'approssimarsi dell'estate e visto che spesso le storie ambientate nel passato hanno dimostrato di essere tra le scelte preferite dei vacanzieri, sotto l'ombrellone o in montagna, ma anche di chi, costretto a casa, voglia evadere in luoghi esotici e tempi remoti, per dimenticare il presente.
La scelta dei 15 romanzi più indicati per approcciarsi al romanzo storico spagnolo non è stata semplice. Stavolta abbiamo deciso di includere anche tre titoli non tradotti, perché anche se da noi sono pressoché sconosciuti i loro autori sono in patria
delle vere e proprie celebrità. Basti pensare, per esempio, che El mozárabe di Jesús Sánchez Adalid ha venduto oltre un milione di copie ed è uno dei libri più ristampati degli ultimi anni.

Mancano tanti nomi importanti, da María Dueñas a Javier Sierra, passando per outsider di successo come Felix J. Palma o Susana Fortes; e autrici ormai affermate come Paloma Sánchez-Garnica e Nerea Riesco.
La verità è che il romanzo storico spagnolo gode di ottima salute e merita di essere scoperto e apprezzato, senza fermarsi a questa lista ma osando esplorare sugli scaffali delle librerie le sue enormi potenzialità.

 

Il maestro di scherma graffa

Il maestro di scherma (El maestro de esgrima) di Arturo Pérez-Reverte

Madrid 1868. Nelle strade corre voce di un complotto contro Isabella II, ma nulla sembra toccare Jaime Astarloa, maestro di scherma fedele ai valori del passato il cui unico scolio è perfezionare l'arte della spada a livelli sublimi. Astarloa è un solitario, e vive un'esistenza immutabile, dedicata unicamente ai valori di cappa e spada, all'orgoglio, alla lealtà, all'eleganza del colpo perfetto. Ma quando la misteriosa Adela de Otero gli chiede di fare di lei un'eccellente spadaccina, il mondo di Astarloa cambia improvvisamente: la bella sconosciuta coinvolge ben presto il vecchio maestro negli intrighi che preparano la tempesta che si abballerà sulla Spagna. Cosa cerca davvero Adela nella lama affilata di una spada?

Editore: BUR | Traduttore: Paola Tomasinelli

 L'africano graffa

L'africano (Africanus) di Santiago Posteguillo

Roma, 235 a.C. Il senatore Publio Cornelio Scipione, avido lettore di tragedie greche, è pronto ad assistere a una delle prime rappresentazioni teatrali messe in scena nella capitale. Non sa che quel giorno si sta compiendo la Storia. Perché poco dopo l'inizio dello spettacolo, un servo arriva a chiamarlo. È nato suo figlio: si chiamerà come lui, Publio Cornelio Scipione, ma sarà ricordato nei secoli a venire con un altro nome: l'Africano. L'uomo destinato a salvare l'Impero, e impedire che la civiltà romana venga cancellata. Perché Roma, in quell'ultimo spicchio del III secolo, è in pericolo. A minacciarla c'è l'esercito più potente che la capitale dell'Impero si sia mai trovata a fronteggiare, guidato da uno dei condottieri più abili e spietati che la Storia ricordi. Annibale, che col suo esercito di soldati ed elefanti è pronto ad attraversare le Alpi, e a dare alla Storia un corso inimmaginabile. Tra Scipione e Annibale si consumerà una battaglia all'ultimo sangue. In palio, c'è il destino di un mondo.

Editore: Piemme | Traduttore: Roberta Marasco

 El mozarabe graffa

El mozárabe di Jesús Sánchez Adalid

Cuando en 939 el emir Abd al-Rahman III se erige en califa, la España musulmana comienza una etapa de esplendor cuyo estandarte será su capital, Córdoba. En esta ciudad coinciden Asbag y Abuámir, dos personas de distinto origen, fe y vocación. Asbag, el mozárabe, es un erudito que gracias a sus aptitudes académicas y dotes diplomáticas se convertirá en consejero de algunos personajes emblemáticos del momento. Por su parte, el vividor y ambicioso Abuámir desarrollará una fulgurante carrera militar que hará de él el segundo hombre más importante del califato: el temido Almanzor. Desde sus distintas posiciones, Asbag y Abuámir hacen de la vida una aventura que pide estar siempre en el camino, lo que les llevará a viajar hasta el corazón mismo de una Europa que aguarda con inquietud la llegada de un nuevo milenio.

Inedito

 Terra ferma graffa

Terra ferma (Tierra firme) di Matilde Asensi

Spagna, 1598. La giovane Catalina Solìs, figlia di una ricca famiglia in declino, si imbarca per le Americhe su una nave della flotta Los Galeones. Ad aspettarla all'altro capo dell'oceano c'è il suo promesso sposo. Ma una notte, nelle acque dei Caraibi, il galeone viene assaltato dai pirati inglesi e Catalina, travestita da uomo, riesce a fuggire gettandosi in mare. Dopo tre giorni in balia delle onde, raggiunge un'isola deserta: nulla del suo passato l'ha preparata alla sfida della sopravvivenza, di una solitudine e di un'angoscia che si protraggono per due anni, prima che un mercante e il suo equipaggio giungano miracolosamente a salvarla. E a offrirle l'opportunità di diventare Martin Ojo de Plata, figlio perduto del capitano della Chacona. In un futuro del tutto diverso da quello in cui un tempo aveva sperato, Catalina, straordinaria e moderna eroina pronta a sfidare tutti i pericoli e le convenzioni di un mondo inventato dai maschi, dovrà imparare a prendere in mano il proprio destino. E decidere se essere donna o uomo. O tutti e due.

Editore: BUR | Traduttore: Margherita D'Amico

 Il vangelo esoterico graffa

Il vangelo esoterico (El códice del peregrino) di José Luis Corral

Diego e Patricia sono due trafficanti internazionali di opere d'arte con una missione speciale da compiere: un milionario francese li ha incaricati di rubare dalla cattedrale di Santiago de Compostela il famoso Codice Calistino. All'apparenza, il manoscritto sembrerebbe solo un'antica guida per i pellegrini che compiono il cammino di Santiago. Invece Diego e Patricia scopriranno ben presto che quel vecchio documento contiene al suo interno occultato grazie a un sistema di cifratura risalente al XII secolo - un libro apocrifo: il Vangelo di Santiago. Un codice nel codice che svela una sconvolgente verità sulla genealogia di Gesù: Maria avrebbe avuto altri eredi e il Messia dei cristiani non sarebbe il figlio di Dio. Ma chi si nasconde dietro al fantomatico francese che ha commissionato il furto a Diego e Patricia? Chi vuole impossessarsi del codice che nega il principio stesso della Trinità? Questa rivoluzionaria scoperta è il primo passo verso la fine del mondo preannunciata nelle Sacre Scritture?

Editore: Newton Compton | Traduttore: Amaranta Sbardella

 Il lettore di cadaveri graffa

Il lettore di cadaveri (El lector de cadáveres) di Antonio Garrido

Cina Orientale, anno 1206. Dinastia Tsong. Nell'antica Cina, solo i giudici più abili ottenevano l'ambito titolo di "lettore di cadaveri", una élite di medici legali - i moderni anatomopatologi - che doveva assicurare la soluzione di qualsiasi delitto, anche a costo della propria vita: nessun crimine, per quanto complicato potesse sembrare, doveva rimanere impunito. Ci Song fu il primo di loro. Ispirato a un personaggio realmente esistito, "Il lettore di cadaveri" racconta la storia di un giovane di umili origini che, grazie alla sua determinazione e alla sua incrollabile passione, riesce a ottenere prima l'incarico di esaminare i cadaveri nei Campi della Morte della capitale Lin'an e poi a entrare come discepolo nella più prestigiosa scuola di medicina, l'Accademia Ming. È il coronamento di un sogno. Ma quando si trova invischiato nel misterioso omicidio di una cortigiana e scopre che dietro la sua morte si nasconde un macabro segreto, per Ci inizia un vero e proprio incubo. Invidiato per i suoi metodi pionieristici e sospettato ingiustamente, il giovane deve mettere in gioco tutta la sua arguzia e la sua scienza per difendersi da inaspettati nemici. Per salvarsi la vita, dovrà risolvere gli atroci crimini che minacciano la corte imperiale e dimostrare così la sua innocenza e il suo impareggiabile valore.

Editore: Sperling & Kupfer | Traduttore: Hado Lyria

 Banu Qasi. Los hijos de Casio graffa

Banu Qasi. Los hijos de Casio di Carlos Aurensanz

Destinado desde su nacimiento a dirigir a su pueblo, Musa ibn Musa toma su nombre del gran conquistador de la Península, que varias generaciones antes había alcanzado el valle del Ebro para someter al conde visigodo Casio. Sus descendientes, los Banu Qasi, ya convertidos al Islam, desempeñarán un papel más que relevante en la región durante el siglo IX de nuestra era. Junto al caudillo árabe, comparten el protagonismo de esta historia Íñigo Arista, hermano de madre de Musa, que ha de convertirse en el primer rey de Pamplona. Por otra, el emir de Córdoba, Abd al Rahman II, artífice del esplendor político y cultural de Al Ándalus en este período. En un escenario caracterizado por el enfrentamiento entre el Islam y el Cristianismo, Musa e Íñigo tratan de mantener la soberanía y la independencia de sus pueblos colocando sus lazos familiares por delante de sus diferencias de credo. Sometidos a los vaivenes de la historia, ambos se convertirán, también, en sus protagonistas.

Inedito

 Il mercante di stoffe graffa

Il mercante di stoffe (El mercader) di Coia Valls

Nel 1320 Barcellona è in fermento: sorgono palazzi, fioriscono commerci, le strade si riempiono di viaggiatori provenienti da tutto il mondo. Le vie traboccano di profumi esotici e spezie, di stupendi tessuti e di scintillanti gioielli cesellati dagli orafi di tutta Europa. Una città così nuova e attiva offre mille occasioni a un giovane intelligente e pronto a tutto. Come Jaume Miravall. Che vuole diventare un ricco mercante e fondare una grande famiglia. Due imprese ambiziose, due obiettivi che richiedono coraggio, lavoro, astuzia e fortuna. E che possono essere messi in pericolo dai segreti e dai peccati di un uomo. Quando arriva a Barcellona, insieme con la dolcissima moglie Elvira, Jaume deve accontentarsi di vivere in un miserabile quartiere dove tradimento, malvagità e morte fanno parte indissolubile del paesaggio. Ma non si lascia scoraggiare e, mentre Elvira dà alla luce l'attesissimo primo erede, Jaume si avventura nella città alla ricerca della sua occasione. La troverà commerciando in stoffe: prima raccogliendo gli scarti degli altri, poi solcando il Mediterraneo infestato dai pirati saraceni con un manipolo di amici fedeli, e infine stabilendo una florida impresa. Sul suo cammino, però, inaspettata, trova anche la grande passione: l'aristocratica Bianca, bellissima e altera, che gli potrà concedere solo sporadici e infuocati incontri clandestini. Diviso tra l'affetto di moglie e figli e l'amore per Bianca, Jaume resta invischiato nel segreto del suo peccato.

Editore: Pickwick | Traduttore: Hado Lyria

 Dimmi chi sono graffa

Dimmi chi sono (Dime quien soy) di Julia Navarro

Quando Guillermo, giovane giornalista di Madrid, riceve da una ricca zia l'incarico di indagare sulla vita della bisnonna Amelia Garayoa, della quale non si sa più nulla da molti anni, non immagina quanto straordinaria sia l'esistenza di questa donna misteriosa e affascinante. Per riscattarla dall'oblio in cui è caduta, Guillermo ricostruisce la sua storia pezzo per pezzo, come un immenso e straordinario puzzle. Amelia, nata nel 1917 da un'ottima famiglia madrileña, dopo essersi infatuata di un rivoluzionario franco-spagnolo alla vigilia della Guerra civile, non esita ad abbandonare marito e figlio - il padre di Guillermo - facendo perdere le sue tracce e diventando un tabù per l'intera famiglia. Come ben presto Guillermo scoprirà, questo è solo l'inizio di un percorso estremamente avventuroso che la porterà in tutto il mondo: da Madrid a Barcellona, da Parigi a Mosca, attraverso Berlino, Londra, Varsavia, Buenos Aires e il Messico. Borghese e rivoluzionaria, sposa e amante, spia e assassina, Amelia è una donna fuori dal comune, un'antieroina per eccellenza, che attraversa da protagonista alcuni tra i maggiori eventi del Novecento, come la Seconda guerra mondiale, la Guerra fredda, la caduta del Muro di Berlino. Sempre al fianco degli uomini della sua vita e sempre fedele ai suoi principi, Amelia non smetterà di pagare in prima persona per le proprie contraddizioni e i propri errori.

Editore: Mondadori | Traduttore: Elena Rolla

I libri della tempesta graffa

I libri della tempesta (Tiempo de cenizas) di Jorge Molist

Due anni ai remi. Questa è la condanna che Joan dovrà scontare per aver assassinato in una rissa l'uomo che tanti anni prima, sulla spiaggia del suo villaggio in Catalogna, gli ha ucciso il padre e rapito la madre e la sorella, durante l'assalto di quelli che sembravano corsari mori. E mentre guarda quel mare azzurro di primavera, quel mare che è sempre stato simbolo di libertà e sta per trasformarsi nella sua prigione, se non addirittura nella sua tomba, Joan ripensa alla promessa fatta al padre morente. Una promessa che ora difficilmente potrà mantenere, incatenato al remo della Santa Eulalia, diretta in Italia per difendere i territori spagnoli dagli angioini che, alle soglie del Cinquecento, minacciano di invadere il Meridione. Una rotta che Joan sognava di percorrere ma non certo in catene, nella speranza di ritrovare Anna, la donna che ama e che non ha mai dimenticato. Ripensando alle parole del suo maestro di calligrafia, secondo il quale solo la paura è in grado di mettere ai ceppi l'animo umano, Joan trova la volontà di reagire e rifiuta di arrendersi a quella sorte. Quando infine la galea sbarca a Napoli, Joan si rimette in cammino, e sarà ancora una volta il suo sconfinato amore per i libri a dargli la forza di lottare per la propria libertà.

Editore: Longanesi | Traduttore: Roberta Bovaia

La loba de al-Ándalus graffa

La loba de al-Ándalus di Sebastián Roa

Mardanish, rey musulmán de toda la zona del Levante, trata durante toda su vida de contener el avance de los aragoneses por el norte y de los almohades fanáticos por el sur, mientras establece relaciones de amistad y protección mutua con el emonarca de León y Castilla y muchos otros nobles cristianos. Pero a pesar de su valentía y continuas batallas, finalmente no es capaz de impedir la invasión de los musulmanes del norte de África. La loba de al-Ándalus es el relato de los hechos reales que sucedieron en un momento decisivo para nuestra historia. La semblanza del rey Lobo, un personaje injustamente relegado, y la invasión almohade, el mayor peligro al que se vieron sometidos los cristianos de la Reconquista.Una lucha de poder narrada con lenguaje directo, sencillo y evocador, que alterna la acción con el romanticismo y la intriga en una época de héroes, trovas, grandes batallas, fidelidad y traición, muertes trágicas y pasiones desbocadas. Un hito épico en el que se decidió el destino de lo que después se llamaría España.

Inedito

La cattedrale del mare graffa

La cattedrale del mare (La catedral del mar) di Ildefonso Falcones

Barcellona, XIV secolo. Nel cuore dell'umile quartiere della Ribera gli occhi curiosi del piccolo Arnau sono catturati dalle maestose mura di una grande chiesa in costruzione. Un incontro decisivo, poiché la storia di Santa Maria del Mar sarà il cardine delle tormentate vicende della sua esistenza. Figlio di un servo fuggiasco, nella capitale catalana Arnau trova rifugio e quella sospirata libertà che a tutt'oggi incarna lo spirito di Barcellona, all'epoca in pieno fermento: i vecchi istituti feudali sono al tramonto e mercanti e banchieri in ascesa, sempre più influenti nel determinare le sorti della città, impegnata in aspre battaglie per il controllo dei mari. Intanto l'azione, dell'Inquisizione minaccia la già non facile convivenza fra cristiani, musulmani ed ebrei... Personaggio di inusuale tempra e umanità, Arnau non esita a dedicarsi con entusiasmo al grande progetto della "cattedrale del popolo". E all'ombra di quelle torri gotiche dovrà lottare contro fame, ingiustizie e tradimenti, ataviche barriere religiose, guerre, peste, commerci ignobili e indomabili passioni, ma soprattutto per un amore che i pregiudizi del tempo vorrebbero condannare alle brume del sogno.

Editore: TEA | Traduttore: Roberta Bovaia

Il signore di Barcellona graffa

Il signore di Barcellona (Te daré la tierra) di Chufo Llorens

Barcellona, anno 1052. Quando Marti Barbany de Montgri, giovane contadino, varca per la prima volta le porte della città che cambierà per sempre la sua vita, un anello e una piccola pergamena sono tutto ciò che possiede e che gli serve per riscattare la cospicua eredità lasciatagli dal padre. Ha così inizio la grande avventura che lo porterà a diventare un personaggio di spicco nella città dalle mille opportunità. Con grande fiuto e ingegno, Marti si arricchisce sempre più dedicandosi al commercio, ma l'impresa più ardua è quella di diventare cittadino di Barcellona e coronare il suo sogno d'amore contrastato con la dolce Laia, figliastra di un malvagio e influente personaggio. Il cammino si presenta irto di ostacoli e difficoltà, e non sempre la fortuna sarà dalla sua parte. La storia di Marti Barbany si intreccia con quella dell'amore tra Ramon Berenguer I, conte di Barcellona, e Almodis de la Marca, contessa di Tolosa, il cui legame adultero minaccia la pace della città, causando problemi politici con le contee vicine e addirittura con il pontefice.

Editore: Mondadori | Traduttore: Pierpaolo Marchetti

La regina del Nilo graffa

La regina del Nilo (La hija del Nilo) di Javier Negrete

Nell'anno 48 a. C. una giovanissima Cleopatra, ultima erede dei faraoni, discendente di Alessandro Magno, condivide il trono d'Egitto con l'odiato fratello Tolomeo. Lontano, in Grecia, si decide il futuro della Repubblica romana, incarnata nell'aspro confronto dei suoi due più carismatici generali: Pompeo e Giulio Cesare. Alessandria d'Egitto diviene la scena di questo momento cruciale della storia in cui finiranno per riunirsi gli interessi e le passioni di Cleopatra, una donna dall'eccezionale intelligenza che governa con fermezza in un mondo di uomini, e Cesare, lo stratega politico più brillante del tempo, determinato a fare di Roma la città più potente del mondo. E l'incontro sarà fatale.

Editore: Newton Compton | Traduttore: Amaranta Sbardella

 Il segreto della loggia graffa

Il segreto della loggia (El secreto de la logia) di Gonzalo Giner

Madrid, fine del diciottesimo secolo. Nella corte di Fernando VI si gioca la partita per il potere su di un mondo sull'orlo del cambiamento. Mentre l'ordine Gesuita cerca di mantenere la supremazia in patria e soprattutto sulle colonie, la crescente società massonica si fa strada nei centri di potere del regno, prima che l'inquisizione, nel suo ultimo periodo di forza, ne rintracci i membri e li metta a morte. Ma mentre tutta la corte è messa in subbuglio dalla lotta per il comando, qualcuno comincia una misteriosa quanto sinistra serie di omicidi che toccano sempre più da vicino le alte sfere. Sarà compito di Joaquín Trévelez, sindaco della città, muoversi in un ambiente tanto delicato e pericoloso, fatto di potenti cortigiani, massoni in cerca di vendetta, prelati attaccati al potere, zingari ormai decimati dall'inquisizione; e chiarire il mistero che custodisce l'anima nera dell'assassino.

Editore: Mondadori | Traduttore: Pierpaolo Marchetti

 

Forse ti interessa anche...

Copyright © 2014-2016 Cuéntame. Tutti i diritti riservati.
Questo sito utlizza cookies. Per saperne di più. | Privacy.
¿Eres escritor?