Magazine di approfondimento culturale |

Il senso della verità. Intervista a Empar Fernández

  • Scritto da Matteo Di Giulio
  • Categoria: Interviste

Empar FernándezPresentati. Chi è Empar Fernández?

Sono professoressa alle superiori, insegno Storia da molti anni e, fin da quando ne ho memoria, ho sempre desiderato scrivere romanzi. Da scrittrice ho una netta preferenza per il genere noir. Mi piace avvicinarmi al lato oscuro.

Il tuo nuovo romanzo è Maldita verdad. Di cosa parla?

Come tutti i romanzi parla di molte cose: della fatalità come origine di alcune tragedie, di quanto possano risultare dolorose alcune verità e, soprattutto, del sentimento di colpa.

Leggi tutto: Il senso della verità. Intervista a Empar Fernández

Sulle orme del linguaggio. Intervista a Jorge Carrión

  • Scritto da Matteo Di Giulio
  • Categoria: Interviste

Jorge CarriónLa prima domanda è la stessa per tutti: chi è Jorge Carrión?

Sono uno scrittore. Quel che intendo dire è che penso a me stesso come a uno scrittore, e lo faccio sempre, per mia sfortuna. Per fortuna, mi occupo di letterature, come scrittore, ma anche come professore, come giornalista e come editor.

Non sei uno scrittore convenzionale. I tuoi romanzi vivono a cavallo dei generi letterari; e al tempo stesso sei, tra le tante cose, saggista, giornalista, sceneggiatore di fumetti. Qual è la tua relazione con la scrittura e quale il tuo metodo di lavoro?

Leggi tutto: Sulle orme del linguaggio. Intervista a Jorge Carrión

Alle radici del noir. Intervista a Estela Chocarro

  • Scritto da Matteo Di Giulio
  • Categoria: Interviste

Estela ChocarroPresentati ai lettori di Cuéntame. Chi è Estela Chocarro?

Sono nata a Cárcar, un paesino della riviera alta della Navarra, nel 1973. Lì sono cresciuta ascoltando racconti e leggende per bocca di mio padre, un grande cantastorie. Compiuti diciotto anni sono andata a Madrid dove mi sono laureata in Scienze dell’Informazione all’Università Complutense. Durante gli anni da studente ho frequentato anche diversi corsi di Realizzazione e Produzione Audiovisiva, sempre con la narrazione come obiettivo. Ho lavorato in diverse imprese di comunicazione a Madrid e Pamplona prima di trovare una mia stabilità economica e cominciare a scrivere. Agli esordi mi sono interessata anche di teatro e ho scritto diverse opere. Vivo a Pamplona ormai da molti anni, lavoro di un ufficio, sono sposata e ho due figli piccoli.

Leggi tutto: Alle radici del noir. Intervista a Estela Chocarro

Tutto è (fanta)scienza. Intervista a José Carlos Somoza

  • Scritto da Matteo Di Giulio
  • Categoria: Interviste

José Carlos SomozaSi presenti ai lettori di Cuéntame. Chi è José Carlos Somoza?

Sono uno scrittore e uno psichiatra spagnolo, nato a Cuba, a La Avana (vivo in Spagna da quando avevo un anno d’età). Da circa vent’anni mi dedico alla scrittura e ho smesso di esercitare come psichiatra. Ho pubblicato una ventina di romanzi, alcuni dei quali tradotti in italiano: l’ultimo di questi è L’esca, per Mondadori.

Può parlarci del suo nuovo romanzo, Croatoan?

È un thriller a metà tra horror e fantascienza che si basa sulla sparizione nel XVII secolo, documentata, di un intero paesino coloniale degli USA, un paese composto da più di cento persone tra uomini, donne e bambini, che scomparvero lasciando dietro di sé soltanto una parola incisa su un albero: Croatoan. Partendo da questo presupposto ho scritto un romanzo attuale che ipotizza una possibile (e strana) causa del fenomeno.

Leggi tutto: Tutto è (fanta)scienza. Intervista a José Carlos Somoza

Un uomo, il pane e il cane. Intervista a Pablo Aranda

  • Scritto da Matteo Di Giulio
  • Categoria: Interviste

Pablo ArandaPresentati ai lettori di Cuéntame. Chi è Pablo Aranda?

Ciao, sono uno scrittore e mi concentro sulla realtà che mi circonda per poter trattare, nei miei romanzi, di temi come la menzogna, la solitudine, le leggi che governano le relazioni, l’amore, la bontà, l’ironia. Sono anche molte altre cose, come l’uomo con la faccia assonnata che scende alle 7.45 per portare giù il cane e approfitta della passeggiata per comprare il pane in una panetteria dove se anche mi sono dimenticato il portafogli non importa, lo pagherò dopo. O anche l’uomo – sempre con la faccia assonnata – che crede che un altro mondo, migliore, più giusto, sia possibile.

Il tuo nuovo romanzo s’intitola El protegido. Per favore, ci dici di cosa parla?

È il cammino di formazione di un uomo normale che si trova coinvolto per caso in un assunto mafioso che potrebbe costargli la vita. Questo giovane non sembra avere i mezzi per sbrogliarsela in una società ostile. Il poco che ha è una relazione che sta cadendo a pezzi, un figlio molto piccolo e il suo passato insieme alla madre del bambino.

Leggi tutto: Un uomo, il pane e il cane. Intervista a Pablo Aranda

Copyright © 2014-2016 Cuéntame. Tutti i diritti riservati.
Questo sito utlizza cookies. Per saperne di più. | Privacy.
¿Eres escritor?