Magazine di approfondimento culturale |

Buoni propositi per l'anno nuovo

  • Scritto da Matteo Di Giulio
  • Categoria: Notizie

Luz GabasAnno nuovo, libri nuovi. Sono tante le novità che promettono di fare di questo 2017 una stagione letteraria molto interessante. Il ritorno di diversi nomi importanti è l'auspicio affinché il trend degli ultimi anni, decisamente positivo sia in termini di critica che di vendite, continui e contribuisca a mantenere alto il livello della narrativa spagnola contemporanea.
Il nuovo romanzo di Gustavo Martín Garzo arriva in libreria il 24 gennaio e s'intitola No hay amor en la muerte (Destino, 240 pagine). Un viaggio ipnotico attraverso uno degli episodi più drammatici della Bibbia: la richiesta del sacrificio di Isacco ad Abramo. Una ricerca fatta di spiritualità e di inquietudine, che fa addirittura scomodare il nome di Thomas Mann.

Leggi tutto: Buoni propositi per l'anno nuovo

Daniel Ruiz García vince il premio Tusquets

  • Scritto da Matteo Di Giulio
  • Categoria: Premi

Daniel Ruiz GarcíaVa a Daniel Ruiz García (Sevilla, 1976) il premio Tusquets de Novela, con il romanzo La gran ola, che sarà pubblicato a novembre nella collana "Andanzas". Per il giornalista andaluso, che ha ottenuto un buon successo di critica con il precedente Todo está bien, è la conferma di un talento che, in un decennio, ha prodotto cinque romanzi e numerosi racconti.
Unanime il verdetto del giurato, che ha dovuto scremare oltre cinquecento manoscritti inediti. Composto da Juan Marsé, Almudena Grandes, Juan Gabriel Vásquez, Alberto Barrera Tyszka, vincitore dell'edizione 2015, e, come rappresentante dell'editore, Juan Cerezo, ha sottolineato, tra i motivi della scelta, la «visione caustica dei nuovi mantra New Age che sfociano in ambito lavorativo».

Leggi tutto: Daniel Ruiz García vince il premio Tusquets

Un autunno narrativo

  • Scritto da Matteo Di Giulio
  • Categoria: Notizie

Elvira NavarroSettembre e ottobre sono, solitamente, i mesi che, parlando da un punto di vista editoriale, aprono la volata alle strenne natalizie, dove poi sono i grandi bestseller a battere cassa. Sono allora anche i due mesi in cui le novità letterarie possono provare a ritagliarsi una nicchia, uno spazio di critica e di pubblico, per emergere e contrastare i big.
La prima a scendere sul ring, con un romanzo coraggioso che gioca con finzione e memoir, è Elvira Navarro (Huelva, 1978), reduce da La trabajadora, del 2014, e dall'anno passato a lavorare come editor per Caballo de Troya. Con Los últimos días de Adelaida García Morales (Penguin Random House, 128 pagine) ricostruisce, a partire da un aneddoto, il declino economico di una delle scrittrici più famose, oggi semi-dimenticata nonostante abbia firmato opere importanti tradotte in più lingue e adottate dal mondo del cinema. Ma quello che percorre Navarro è un sentiero tortuoso, ambizioso, dove la verità della biografia si mescola a elementi autobiografici della stessa autrice e a sprazzi inventati, in quello che promette di essere un originale mix di sensazioni ossimoriche.

Leggi tutto: Un autunno narrativo

Nel labirinto con Carlos Ruiz Zafón

  • Scritto da Matteo Di Giulio
  • Categoria: Notizie

Carlos Ruiz ZafónDopo una lunga pausa, a fine novembre torna in libreria l'autore spagnolo più letto nel mondo dopo Cervantes.
Una responsabilità pesante, quella che tocca a Carlos Ruiz Zafón (Barcellona, 1964), che con questo nuovo romanzo porta a conclusione la tetralogia del Cimitero dei libri dimenticati, iniziata con L'ombra del vento, proseguita con Il gioco dell'angelo e poi con Il prigioniero del cielo.
Il quarto e ultimo volume s'intitola El laberinto de los espíritus (Planeta, 928 pagine) ed è un romanzo di quasi mille pagine che ha richiesto molti anni di lavoro al suo autore.
Torna l'eroe di Zafón, il giovane Daniel Sempere, oggi adulto e maturo, ma sempre alle prese con i misteri che gli hanno cambiato la vita.

Leggi tutto: Nel labirinto con Carlos Ruiz Zafón

Un falcó nero per Pérez-Reverte

  • Scritto da Matteo Di Giulio
  • Categoria: Notizie

Arturo Pérez-ReverteIl 19 ottobre segna il ritorno in libreria di Arturo Pérez-Reverte (Cartagena, 1951), con un nuovo romanzo e soprattutto con un personaggio originale che promette di far par parlare di sé.
Per la prima volta, nella sua lunga carriera, lo scrittore affronta l'Europa della prima metà del Novecento, una terra di spie, di intrighi e di doppi giochi politici.
Lo fa con quello slancio cui ci ha abituati, grazie a Lorenzo Falcó, ex trafficante che ora lavora per i servizi segreti. Un protagonista misterioso, tipicamente revertiano, né bianco né nero, insondabile. Un seduttore prestato allo spionaggio degli anni Trenta e Quaranta, intrappolato in una società europea contradditoria quanto lui: fascisti, comunisti, nazisti, rivoluzionari, totalitarismi e grandi regni in lotta per il potere. Il clima ideale per un thriller dove suspense e sangue (freddo) sono l'ingrediente principale.

Leggi tutto: Un falcó nero per Pérez-Reverte

Copyright © 2014-2016 Cuéntame. Tutti i diritti riservati.
Questo sito utlizza cookies. Per saperne di più. | Privacy.
¿Eres escritor?