Magazine di approfondimento culturale |

Viaggi fantastici

Caballo de TroyaUna buona storia ti porta ovunque. Un buon romanzo apre porte verso mondi lontani. A volte di fantasia.
È il caso di El destructor de mundos, opera di fantascienza firmata da Juan Carlos Herreros Lucas. Basato su un famoso gioco di ruolo, Exo, di cui lo scrittore è stato coautore, il romanzo è un mix di space opera e poliziesco. Quando su Orien, un pianeta situato al margine di tutte le rotte commerciali, un'oasi di tranquillità, sbarca il terrorista più ricercato degli ultimi quindici anni, si scatenerà un'infuocata caccia all'uomo e, mentre tutti cercano di mettere le mani su colui che è stato definito il «distruttore dei mondi», verranno a galla i segreti del suo passato.
La madrilena Aranzazu Serrano Lorenzo va oltre con la saga Neimhain, che fonde in un universo fantasy la forza dei miti vichinghi e il misticismo della cultura celtica.

Enfant prodige della scrittura, già premiata a livello nazionale quand'era bambina, la scrittrice prosegue la sua promettente carriera con una serie che grazie a spade, battaglie e magia è riuscita a conquistare anche lettori eccellenti come Elia Barceló, che definisce il primo romanzo di questa saga un «tour de force», in cui ampio respiro ed epica la fanno da padroni. Ai classici temi del fantasy, come la quest di un oggetto che risolve i conflitti, la giovane autrice aggiunge violenza e vendetta, dimostrando così che anche la narrativa fantastica europea sa stare al passo con quella statunitense.
È più ambiguo, ma non è una novità, l'approccio del noirista
Claudio Cerdán all'horror. Con Sangre fría costruisce una storia di zombie e poliziotti corrotti facendo sentire il proprio stile dalla prima all'ultima pagina. Azione, violenza e commedia nera si mescolano dando vita a un ibrido che fa l'occhiolino sia ai classici del genere survival che a quelli dell'hardboiled più pulp, senza dimenticare la follia di Terry Pratchett e Chuck Palahniuk. Un romanzo che crea grandi aspettative da una delle penne più calde del momento.
Geniale oppure folle, a volte la differenza è davvero minima, è l'esperimento meta-narrativo Infernorama, che coniuga la letteratura horror al mondo dei videogiochi. Tanto che gli autori Francisco Miguel Espinosa e Ángel Luís Sucasas corredano il loro titolo d'esordio con un videogame (qui la versione online, ma è disponibile anche per Windows e Android) che ricorda, per la grafica vintage e l'interfaccia punta & clicca, i classici della LucasArts che spopolavano negli anni Ottanta e Novanta. Nel romanzo è nascosto un mistero difficile da scovare, anche perché le pagine spesso si rivelano vicoli ciechi e trabocchetti; o ancora peggio schermate blu d'errore. Provare per credere.
Sembra più convenzionale, quantomeno nella forma, Familiaris di Manuel Martínez, un romanzo breve dove il protagonista è uno strano domestico che non si fa nessuna domanda e la cui vita è asservita a un magister. Ma un giorno qualcosa smette di andare nel verso giusto. Ucronia fortemente psicologica, l'opera pubblicata da Ediciones Oblicuas prende alcuni degli spunti classici della fantascienza e li coniuga in modo originale, come se si trattasse di un thriller sentimentale macabro e avvincente.

 

El destructor de mundos Neimhaim Sangre fría Infernorama Familiaris

 

Forse ti interessa anche...

Copyright © 2014-2016 Cuéntame. Tutti i diritti riservati.
Questo sito utlizza cookies. Per saperne di più. | Privacy.
¿Eres escritor?