Magazine di approfondimento culturale |

Tante storie tra le nuvole

SurfersMentre il fumetto spagnolo festeggia la sua nuova fase di maturità con l'uscita mondiale del nuovo comic di Corto Maltese, storico personaggio riportato in vita da Juan Díaz Canales, coautore del bestseller Blacksad, insieme a Rubén Pellejero, un editore come Astiberri sforna uscite interessanti senza soluzione di continuità.
La novità più succulenta è certamente il primo appuntamento con ¡García! di Luis Bustos (Madrid, 1973) e Santiago García (Madrid, 1968), una graphic novel politica che riflette sul presente attraverso una storia che tange il noir e il romanzo d'inchiesta. In un clima di tensione elettorale e di crisi economica, un superuomo risorge da una tomba sperduta nel grande mausoleo dove è sepolto anche il dittatore Francisco Franco. Scomparso nel 1961, García dovrà vedersela con un periodo storico ancora più caotico e complesso di quello di cinquant'anni prima.

È politico anche lo sguardo di El mundo a tus pies di Nadar, che mette insieme un albo con tre storie di ordinario realismo. Come sottolinea nel prologo lo scrittore impegnato Isaac Rosa, Pep Domingo (Castelló de la Plana, 1985), in arte Nadar, coglie il malessere della generazione degli sfruttati e dei precari, senza risparmiare critiche e ironia, ma senza nemmeno abbandonarsi a una triste elegia della sconfitta: i tre personaggi principali, infatti, vanno in cerca della felicità e cercano con ogni mezzo di perseguirla.
El mundo a tus piesPiù ameno è invece Yo, perro di Carlos Romeu (Barcellona, 1947), uno dei nomi più importanti del comic spagnolo, ma anche della televisione pubblica e della narrativa per ragazzi. Con la scusa di voler dare utili consigli ai padroni di animali, Romeu traccia una divertente e appassionata storia del mondo attraverso gli occhi canini, giocando con i luoghi comuni e con i cliché che si sono sviluppati, nei secoli, attorno a quello che è definito il miglior amico dell'uomo.
Si torna al passato e a una storia di dolore con La araña del olvido di Enrique Bonet (Malaga, 1966), in vendita a partire dal 16 ottobre. La scintilla narrativa, per rivangare la tragica uccisione del poeta Federico García Lorca, ammazzato poco dopo lo scoppio della guerra civile spagnola, è il desiderio di uno scrittore americano, negli anni Cinquanta, di ritrovarne il luogo di sepoltura. La vera storia di Agustín Penón è allora una scusa per ricostruire la vita e soprattutto la morte di uno degli artisti più importanti della storia di Spagna. Il lavoro di ricerca e di documentazione di Bonet è di impressionante dedizione.
Ancora humour con Ángel Sefija tras el noveno arte di Mauro Entrialgo (Vitoria-Gasteiz, 1965). Personaggio che da quindici anni affolla le pagine del settimanale satirico più venduto del paese, "El Jueves", Sefija è un uomo medio, senza pregi, che non brilla mai. Di lavoro fa l'archivista, ha un aspetto normale, ma un grande pregio: osserva il mondo e con il suo sguardo commenta il quotidiano, riuscendo spesso a essere più profondo e acuto di chi ha più titoli di studio, blasoni e meriti. Il volume racchiude le migliori pagine pubblicate e le mette in ordine cronologico, offrendo così, nell'insieme, un ritratto spietato della nazione.
Silvio José, rescatadoAnche Silvio José, Rescatado, il nuovo lavoro di Paco Alcázar (Cadice, 1970), uno degli autori più completi e più irriverenti del panorama iberico attuale, è frutto del lavoro del disegnatore su "El Jueves". Silvio José Pereda è un quarantacinquenne inacidito da troppi anni passati come scapolo insoddisfatto, all'ombra del padre ormai anziano che cura di malavoglia, mentre trascorre le sue giornate tra videogiochi di guerra, salsicce e pellicole di Steven Seagal. Le strisce più divertenti ed esplosive arrivano in libreria: politicamente scorretto, ma spassoso e intelligente.
Si rivolge a un pubblico più giovane Pablo & Jane en la dimensión de los monstruos di José Domingo (Saragozza, 1982), che a partire dai disegni colorati e a tutta pagina cerca di accattivarsi il favore dei più piccoli. Due bambini, che hanno già giocato in lungo e in largo con tutti i loro giocattoli, troveranno un modo unico per sconfiggere la noia: viaggiare in una dimensione magica, costellata di stranezze, magie e mostri, grazie a una curiosa macchina dimenticata da chissà chi nella misteriosa casa sulla collina. L'idea di Domingo è mescolare fumetto, giochi interattivi e illustrazioni perfette, vista l'uscita a fine di ottobre, per un Halloween divertente e scatenato.

 

Garcia! Yo, perro La araña del olvido Angel Sefida Pablo & Jane

 

Forse ti interessa anche...

Copyright © 2014-2016 Cuéntame. Tutti i diritti riservati.
Questo sito utlizza cookies. Per saperne di più. | Privacy.
¿Eres escritor?