Magazine di approfondimento culturale |

Un destino felice

Álvaro PomboTra le tante novità in arrivo per l'editore Destino, dal catalogo al tempo stesso commerciale e sofisticato, sono tre i titoli che attirano più di tutti la curiosità e l'attenzione tanto degli addetti ai lavori che dei lettori.
Si tratta di tre ritorni, di autori che si sono già fatti le ossa con i loro precedenti lavori, di nomi a volte ben conosciuti al pubblico e alla critica. Di grandi conferme.
El carbonero (288 pagine) è il terzo romanzo firmato da Carlos Soto Femenía (Palma de Mallorca, 1966): una storia dura di montagna e di silenzi, di rapporti familiari appena sussurrati, in alta quota, dove un padre e un figlio, tramandandosi la professione di una vita, assistono pazienti alla trasformazione delle querce in carbone. Finché un giorno la morte, invitata inattesa, irrompe nelle loro vite e le sconvolge. Una trama di sottrazioni, di rancori sopiti e di natura che s'insinua sottopelle.
Sicuramente uno dei titoli più attesi dell'anno.

Siamo dalle parti del dramma a tinte fosche anche per quanto riguarda il nuovo lavoro del veterano Álvaro Pombo (Santander, 1939). pluripremiato decano delle lettere, già membro della Real Academia de la Lengua.

Tra le tante novità in arrivo per l'editore Destino sono tre i titoli che attirano più di tutti la curiosità dei lettori
linea verticale

La casa del reloj (320 pagine) è un viaggio nell'intimità di un protagonista colto, elegante, bon vivant, che ha lavorato tutta la vita al servizio di un uomo ricchissimo. Alla morte di quest'ultimo, riceve una cospicua eredità che comprende anche una casa rurale, la Casa dell'Orologio, di proprierà della defunta moglie: ma una clausola del testamento, perché diventi effettivo il lascito, obbliga il beneficiario a trasferirsi in quella casa. Per farlo, Juan Caller, non più giovane, deve rimboccarsi le maniche e riportare al suo antico splendore un luogo che, come scoprirà, nasconde ancora molti misteri.
Si sposta di migliaia di chilometri Nada es perfecto en Hawái (544) di Màrius Serra (Barcellona, 1963), con l'intenzione di costruire un intrigo accattivante e ben strutturato. Durante un convegno dedicato all'ammiraglio Cook, scopritore delle isole diventate in seguito il cinquantesimo stato degli USA, un incidente rischia di rovinare la festa. Un giornalista, che sta scrivendo un corposo saggio su Cook, e una sua ex compagna di studi si mettono all'opera e indagano sull'accaduto. Nel passato del giornalista, tralaltro, giace un doloroso ricordo legato alla morte prematura del padre, che ancora gli rode l'anima e che forse è collegato con questa storia.
Serra ha vinto tutti i principali premi della narrativa catalana. Questa sua nuovo fatica sarà in libreria tra poco meno di una settimana.

El carbonero Nada es perfecto en Hawái La casa del reloj

 

Forse ti interessa anche...

Copyright © 2014-2016 Cuéntame. Tutti i diritti riservati.
Questo sito utlizza cookies. Per saperne di più. | Privacy.
¿Eres escritor?