Magazine di approfondimento culturale |

Isabel Bono vince il Premio Café Gijón

Isabel BonoVa all'andalusa Isabel Bono (Málaga, 1964) il prestigioso Premio Café Gijón, giunto alla sua sessantaseiesima edizione.
Per la poetessa, che ha all'attivo una ventina di raccolte di sillogi, si tratta della prima incursione nel romanzo, un esordio che più fortunato di così non potrebbe essere, visto il ricco montepremi (ventimila euro) e la prossima pubblicazione per il marchio Sirula.
S'intitola Una casa en Bleturge e sarà in libreria nei primi mesi del prossimo anno.
La trama, che ha conquistato la giuria presieduta da Rosa Regás, è incentrata su un dramma familiare.
A colpire sono stati, nelle esatte parole dei giudici, «l'indubbia qualità letteraria e il carattere decisamente originale» dell'opera. Il voto è stato unanime.

Veterana della poesia, Isabel Bono centra un premio prestigioso con il romanzo d'esordio
linea verticale

«Ognuna delle voci è credibile. Ciascuna delle situazioni che vivono, delle manie che li possiedono e ogni timore di cui sono afflitti sono verosimili. L'analisi è così perfetta da intenerire, ma è al tempo stesso crudele e davvero emozionante.»
La storia è quella di una coppia sposata, con due figli, il primo dei quali non c'è più, mentre la seconda sembra sentirsi di troppo. Attorno al primogenito, scomparso prematuramente, gira a vuoto una famiglia che si sta consumando. La figlia nei sensi di colpa, il padre in un ricordo malsano di ogni gesto dell'amato figlio. Ma ogni azione porta a una conseguenza e per la coppia, ormai sessantenne, non c'è modo per evitare la caduta all'inferno del loro matrimonio perfetto.
«Scrivere è fuggire in un altro luogo», ha detto Bono durante la cerimonia, «ed è questo che mi salva ogni volta.»
Isabel Bono succede, nell'albo d'oro del premio, a Miguel Ángel González e al suo Todos los miedos.

Forse ti interessa anche...

Copyright © 2014-2016 Cuéntame. Tutti i diritti riservati.
Questo sito utlizza cookies. Per saperne di più. | Privacy.
¿Eres escritor?