Magazine di approfondimento culturale |

De Madrid al cielo di Ismael Grasa

Madrid al cieloIl cielo sopra Madrid non è blu, non è azzurro, non è rosa, ma non è nemmeno nero.
Il romanzo d'esordio di Ismael Grasa, uscito nel 1994 e purtroppo mai tradotto in Italia, è un delizioso tour de force in una città che dorme poco, non mangia bene, beve troppo ed è paranoicamente normale.
De Madrid al cielo è un gioco composto di sguardi, di tatto, di gusto, di odori e di dialoghi: com'è la vita concreta.
E com'è, soprattutto, una città che il protagonista, un mezzo fallito che sopravvive svuotando cantine e rivendendo ciò che trova nei mercatini, esplora palmo a palmo, alla ricerca di tutto e di niente, o forse solo di se stesso.
In mezzo, come ostacoli, ci sono bar, malintesi, sesso, amicizie sballate: e perfino un omicidio, che però è raccontato con quella tragicomica grazie cui ci ha abituati, per esempio, Pedro Almodovar.

Narratore della movida, scrittore tutto fuorché cool, Ismael Grasa è onesto e la sua penna regala al lettore un ritratto sfrenato e irresistibile del suo tempo.

graffa Come un film di Almodovar, un romanzo che traballa ma non crolla mai

«Quando ho pubblicato il mio primo romanzo», ama ripetere l'autore, «è quando è cominciato il mio declino.»
Il suo talento è fuor di dubbio, la sua capacità di costruire quadri inimitabili pure.
De Madrid al cielo è una pellicola dai colori acidi senza lieto fine, oppure una commedia tragica talmente grossolana da risultare perfetta.
Come un film di Almodovar, chiassoso, anarchico e fracassone, un romanzo che traballa ma non crolla mai.

 

De Madrid al cielo graffa  Autore: Ismael Grasa
Titolo: De Madrid al cielo
Anno: 1994
Editore: Anagrama
Pagine: 136
ISBN: 978-84-339-0980-0

 

Forse ti interessa anche...

Copyright © 2014-2016 Cuéntame. Tutti i diritti riservati.
Questo sito utlizza cookies. Per saperne di più. | Privacy.
¿Eres escritor?