Magazine di approfondimento culturale |

Madre e hija di Jenn Díaz

Madre e figliaÈ difficile lavorare sotto uno stress costante, con il peso delle responsabilità sulle spalle e la necessità di non poter deludere mai. Jenn Díaz (Barcelona, 1988) vive questa situazione damoclea da anni, fin dal suo esordio letterario, quando ventitreenne pubblicò Belfondo (unica sua opera al momento disponibile anche in italiano) e fu salutata come una delle promesse più cristalline della nuova narrativa spagnola. Dal 2011 è trascorso un lustro e al ritmo di un romanzo all'anno l'autrice catalana si trova ora a dover fare i conti con la pressione.
Come evitarla e poter scrivere in pace?
Prima scelta, netta, cambiare lingua: dal castigliano al catalano.
Secondo scelta, coraggiosa, non allontanarsi dai propri temi cari, a rischio di ripetersi.
Nasce così Mare i filla, pubblicato da Amsterdam Llibres nel 2015; e tradotto dalla stessa Díaz in spagnolo per Destino, editore di punta a cui – nomen omen – era destinata prima o poi ad approdare.

Jenn Díaz è una predestinata. Vive di paragoni illustri (Ana María Matute, Carmen Martín Gaite, io aggiungo anche Ángeles Caso) e non lo da a vedere. È dotata di una prosa elegante e schietta che dovrebbe richiedere una vita d'esperienze letterarie. Sa scegliere le sue storie con l'acume di una veterana. Predestinata, sì, ma soprattutto intelligente.

Il difficile romanzo della conferma per una delle autrici più promettenti della sua generazione
linea verticale

Madre e hija non si discosta, a livello di contenuti, dai precedenti Mujer sin hijo, dal titolo assonante, e Es un decir, del 2014.
Generazioni di donne che si confrontano con se stesse, alla ricerca di un'identità di genere che va oltre il discorso femminista/femminile e diventa piuttosto un inno all'intimismo e all'autocoscienza. Ma spicca soprattutto per la maturità con cui affronta temi così complicati, tanto difficili da trattare senza cadere nella superficialità dei sentiment(alism)i facili e per la coesione corale.
Perché il romanzo riesce a tenere in vita tante voci differenti e a farle sentire, una per una, al lettore, trasmettendo insieme a loro – e grazie a loro – il senso dell'essere donna e, in parallelo, il senso di appartenenza a una famiglia privata all'improvviso di ogni totem maschile.
Madre e hija è un salto in avanti, una sfida qualitativa che permette di cambiare, finalmente, il modo di rapportarsi alla letteratura di Jenn Díaz, affrancatasi dal trampolino di promessa e saldamente accomodata sul trono di capofila della propria generazione.

Autore: Jenn Díaz | Titolo: Madre e hija | Anno: 2016 | Editore: Destino | Pagine: 192 | ISBN: 978-84-233-5064-3
Madre e hija linea verticale

 

Forse ti interessa anche...

Copyright © 2014-2016 Cuéntame. Tutti i diritti riservati.
Questo sito utlizza cookies. Per saperne di più. | Privacy.
¿Eres escritor?