Magazine di approfondimento culturale |

Inés e l'allegria di Almudena Grandes

MaquisMentre sta scrivendo il titanico Cuore di ghiaccio, Almudena Grandes viene a conoscenza di un episodio della posguerra che è caduto nel dimenticatoio. L'invasione nell'ottobre del 1944 della Val d'Arán da parte di un esercito di antifranchisti esiliati dopo aver perso la guerra. Quello che sembra poter diventare in fretta un grande successo si trasforma presto in disfatta.
I cosiddetti maquis spagnoli, eroici e coraggiosi, combattono poche settimane utilizzando le tecniche della guerriglia, ma la popolazione, stanca di massacri, stavolta non li segue.

In Inés e l'allegria si uniscono storia vera e trame fittizie, in un incastro perfettamente riuscito nel quale è difficile capire dove termini la cronaca e dove cominci la fantasia dell'autrice.

graffa Epopea corale che riesce a coinvolgere fin dalle prime pagine, è un romanzo che avvince e commuove

Almudena Grandes ricostruisce con minuzia di particolari il primo di una serie di "Episodi di una guerra interminabile", come decide di chiamare un gruppo di sei romanzi (al momento ne sono stati pubblicati tre) che, ispirati per forma e spirito agli Episodios nacionales di Benito Pérez Galdós, rivelano il lato oscuro della Spagna sotto la dittatura franchista a partire da storie solo in apparenza marginali e secondarie.
Nel progetto non c'è posto per gli stereotipi del romanzo bellico o di quello d'appendice. I protagonisti sono sì carismatici ed empatici, ma godono anzitutto di un'umanità che li rende vivi e credibili. Non solo la voce portante di Inés, che racconta in prima persona la sua triste storia (sorella di un falangista, decide di aiutare i ribelli sfidando tutto e tutti); ma anche Galán, soldato deluso dalle troppe sconfitte, il cui cinismo rende ancora più dolente l'allegria propagata dal Partito Comunista e dalla sua leader, la Pasionaria Dolores Ibárruri.
Inés e l'allegria va a braccetto con la prosa dura e secca del saggio politico, cui ricorre esplicitamente in alcuni capitoli di raccordo, che permettono a qualsiasi lettore, sia all'appassionato di storia che all'amante della narrativa pura, di raccapezzarsi senza difficoltà in un periodo controverso dove complotti e tradimenti erano all'ordine del giorno.
Almudena GrandesInés e l'allegria è soprattutto un romanzo di voci diverse: un'epopea corale che riesce a coinvolgere fin dalle prime pagine e che, senza mai esagerare il lato melodrammatico delle storie che racconta, finisce per diventare un'accorata apologia del desiderio di libertà che ha unito, facendoli sentire come fratelli, persone tanto diverse per cultura, estrazione sociale e provenienza. Un romanzo che avvince e commuove.
Nelle intenzioni di Grandes, questa storia si sarebbe dovuta sviluppare come sceneggiatura, ma quando il progetto è naufragato a causa degli ingenti costi di produzione, si è trasformato in romanzo: uno dei più intensi e maturi di una scrittrice che con il suo lavoro sta rendendo giustiza a un'intera generazione di spagnoli.

Autore: Almudena Grandes | Titolo: Inés e l'allegria | Originale: Inés y la alegría | Traduttore: Roberta Bovaia | Anno: 2010 | Editore: Guanda | Pagine: 754 | ISBN: 978-88-6088-484-8

 

Inés e l'allegria  
  Inés y la alegría

 

Forse ti interessa anche...

Copyright © 2014-2016 Cuéntame. Tutti i diritti riservati.
Questo sito utlizza cookies. Per saperne di più. | Privacy.
¿Eres escritor?