Magazine di approfondimento culturale |

Il lapis del falegname di Manuel Rivas

El lápiz del carpinteroQuando nel 1998 Manuel Rivas pubblica Il lapis del falegname è un autore esperto.
Ha alle spalle diverse sillogi poetiche e sei romanzi in prosa. Il cinema si è già occupato di lui.
Lui, però, non ha paura di mettersi in gioco per l'ennesima volta e non vuole farsi intimorire dal successo.
La sua poliedricità – è anche giornalista e saggista – gli permette di affrontare ogni nuova fatica con la libertà di chi non è abituato a vincoli.
Il lapis del falegname, un romanzo che è stato definito lirico, è il suo modo, davvero unico, di affrontare la Guerra Civile senza prenderla di petto.

Un approccio forse inusuale, ma non per questo motivo meno efficace.
La dimensione che pervade l'opera è quella della memoria. Come se a Rivas, che vive in prima persona una lingua e una terra, la Galizia, ricche di tradizione, prema soprattutto che non ci si dimentichi di ciò che accaduto. E, per farlo, decide di partire dalla fine. Dalla testimonianza di chi è sopravvissuto all'orrore.

graffa La matita permette a un pittore di disegnare i sogni e a un secondino di ricordare i propri incubi

Il flusso di coscienza che compone Il lapis del falegname procede a ritroso, attraverso i momenti bui del dottor Da Barca, che ripercorre i suoi anni di prigionia sotto l'attenta guardia di un militare, Herbal, che all'improvviso gli strappa il ruolo di protagonista e se lo prende con forza.
La polifonia delle voci trova la propria continuità in un oggetto: la matita del titolo, una matita che permette a un pittore di disegnare i sogni della gente comune e al secondino di riandare al suo passato popolato di incubi e fantasmi, cercando di liberarsene.
Il romanzo, premiato dal pubblico e dalla critica (e da diversi festival letterari), porterà a una pellicola diretta nello stesso anno da Antón Reixa, a sua volta baciata dal successo.

 

Il lapis del falegname graffa Autore: Manuel Rivas
Titolo: Il lapis del falegname
Originale: El lápiz del carpintero
Traduttore: Pino Cacucci
Anno: 1998
Editore: Feltrinelli
Pagine: 144
ISBN: 978-88-0781-812-7

 

Forse ti interessa anche...

Copyright © 2014-2016 Cuéntame. Tutti i diritti riservati.
Questo sito utlizza cookies. Per saperne di più. | Privacy.
¿Eres escritor?