Magazine di approfondimento culturale |

La nebbia e la fanciulla di Lorenzo Silva

La nebbia e la donzellaIl terzo appuntamento con la coppia regina del noir spagnolo è di quelli che non si dimenticano.
Fresco vincitore del Premio Nadal, con L'alchimista impaziente, Lorenzo Silva (Madrid, 1966) è infatti atteso alla difficile riconferma. Si usa dire, per i musicisti, che il terzo disco è il più importante, perché è a partire da quello che non ci si possono permettere più passi falsi.
Non delude le aspettative La nebbia e la fanciulla, probabilmente il più intimista e personale tra i romanzi con protagonisti Bevilacqua e Chamorro, affiatati membri della Guardia Civil che, fianco a fianco, imparano a risolvere tanto i casi criminali che i dilemmi della vita.
Questa volta devono volare nelle isole Canarie, in un paradiso naturale vicino Tenerife, dove li attende l'omicidio irrisolto di un ragazzino che in vita ha creato problemi a se stesso, ai suoi parenti e a chiunque lo circondasse; ma che comunque non meritava di morire in maniera tanto brutale e così presto.

L'indagine procede molto lentamente, in linea con il clima e con gli usi dei locali, che della lentezza fanno la propria ragione d'essere.

Il terzo appuntamento con Bevilacqua e Chamorro è il noir più intimista ed esistenzialista di Silva
linea verticale

I due investigatori, affiancati da una poliziotta conflittiva, lavorano, quasi senza rendersene conto, in una cornice di indizi sussurrati e di prove evanescenti. Arriveranno a risolvere il mistero, dopo un turbine di colpi di scena, ma ne rimarrano segnati per sempre.
Fosse un romanzo francese, La nebbia e la fanciulla sarebbe un polar fortemente debitore dell'esistenzialismo di Malet o Manchette, ma con un ritmo blando che a renderlo ancora più ipnotico e catartico.
Nei ragionamenti continui della coppia protagonista si nascondono le chiavi di lettura di una storia che si può prendere da angolazioni differenti e che, da ciascuna di esse, offre spunti inediti. La riflessione sull'isolamento, sulla famiglia, sul passato e sul tradimento portano a un confronto costante che, ancor più che i tornanti narrativi, finisce per stimolare il lettore a voler voltar pagina per saperne di più.
Emerge, qui più che mai, il dolente lato umano di un personaggio letterario che, alla sua terza entrata in scena, si mostra mortale e fallibile: sarà proprio un errore, uno di quelli che ti segnano nell'anima, a forzare una situazione di stallo e a dare il via all'ultimo slancio verso il finale.
Lorenzo Silva si conferma cantore noir con pochi eguali, merito anche della traduzione che trasmette la sua voce in italiano senza filtri, e confeziona un romanzo solido e inattaccabile, ma al tempo stesso lucido e disperato, quasi un grido di dolore che, in un panorama di eroi tutti uguali, è davvero una splendida eccezione.

Autore: Lorenzo Silva | Titolo: La nebbia e la fanciulla | Originale: La niebla y la doncella | Traduttore: Roberta Bovaia | Anno: 2002 | Editore: Passigli | Pagine: 334 | ISBN: 978-88-368-0792-5
La nebbia e la fanciulla
La niebla e la doncella

 

Forse ti interessa anche...

Copyright © 2014-2016 Cuéntame. Tutti i diritti riservati.
Questo sito utlizza cookies. Per saperne di più. | Privacy.
¿Eres escritor?