Magazine di approfondimento culturale |

I santi innocenti di Miguel Delibes

Los santos inocentesNel 1981, anno in cui pubblica il romanzo I santi innocenti, Miguel Delibes è uno scrittore ormai affermato.
L'anno primo, il VII Congreso Internacional de Libreros, celebratosi a Valladolid, gli ha reso omaggio, mentre il suo romanzo precedente, Per chi voterà il signor Cayo?, è stato trasposto al cinema con successo. L'anno dopo, nel 1982, Delibes riceverà uno dei più prestigiosi riconoscimenti letterari spagnoli, il Premio Príncipe de Asturias de las Letras.
Attivo fin da metà anni Quaranta, l'autore può lavorare senza vincoli; e può permettersi di affrontare qualsiasi argomento. Anche il più spinoso.

Il ritratto della Spagna che dipinge ne I santi innocenti è impietoso.

Ambientata negli anni Sessanta, nell'entroterra povero della regione di Extremadura, la storia è divisa in due, come le classi sociali dei protagonisti. Da un lato i ricchi, che sono colti ma crudeli e quindi barbari; dall'altro i poveri, che nella loro semplicioneria riescono a raggiungere un alone di purezza.

graffa Romanzo di critica sociale, è una durissima denuncia delle terribili condizioni di vita di una Spagna arcaica

La famiglia campesina formata da Paco e Régula, e dai loro quattro figli, Nieves, Quirce, Rogelio e Charito, cui si aggiungerà dopo anche Azarías, è al servizio di una famiglia di possidenti terrieri. Uno dei padroni, fissato con la caccia, sfrutta i suoi servitori fin quasi a ucciderli.
I santi innocenti del titolo sopportano in silenzio, come solo gli umili sanno fare, e alla fine dimostrano che la loro sofferenza è il preludio verso una grandezza morale che, seppur non aiutata dalla loro ignoranza e dalle disgrazie che li flagellano, finisce per elevarli oltre ogni aspettativa.
Romanzo di critica sociale, durissima denuncia delle terribili condizioni di vita tipiche di una Spagna ancora arcaica e arretrata, il romanzo di Delibes riesce a stemperare, in un'ironia grottesca che permea ogni singola pagina, un soggetto tanto difficile da raccontare.
La poesia della sua penna è il sentito omaggio a una schiatta di anti-eroi che, con la schiena a pezzi e la bocca chiusa, sono riusciti a tirare avanti e costruire le fondamenta per quelle libertà conquistate, sempre con enorme fatica, dalla generazione successiva.
Considerato dal quotidiano "El Mundo" uno dei cento capolavori della narrativa in lingua spagnola, il romanzo è portato su grande schermo nel 1984, per la regia di Mario Camus: una trasposizione lirica e fedele che porterà ai due attori protagonisti, Francisco Rabal e Alfredo Landa, la palma d'oro al Festival del Cinema di Cannes.

 

I santi innocenti graffa Autore: Miguel Delibes
Titolo: I santi innocenti
Originale: Los santos inocentes
Traduttore: Giuliano Soria
Anno: 1981
Editore: Piemme
Pagine: 128
ISBN: 978-88-3842-177-8

 

Forse ti interessa anche...

Copyright © 2014-2016 Cuéntame. Tutti i diritti riservati.
Questo sito utlizza cookies. Per saperne di più. | Privacy.
¿Eres escritor?